sfogo e riflessioni di una Animalista

Io non sono un’ essere umano. Mi dissocio dall’essere umano. Non è questo il mio mondo. No, non lo è. Una società antropocentrica, sempre più propensa ad annientare quello che di buono, vero, sacro ha concepito Madre Natura, colei che senza la quale, noi saremmo niente. Noi saremmo il Nulla più assoluto.  Stuprata dall’uomo da sempre. Mi convinco sempre di più che l’ essere umano non abbia niente a che fare con la Terra.

Siamo ospiti su questo pianeta e chi, inconsapevolmente a causa della propria ignoranza o del proprio egocentrismo, non se n’è ancora reso conto. Beh prima o poi dovrà fare i conti con la propria Anima, una volta che avrà lasciato la materia. Ovvio ma non scontato per molti. Credo ci debba essere da qualche parte, oltre al presente, oltre alla vita di ora e qui, un’altra dimensione e credo fortemente che chi sia lì, stia vivendo ciò che qui gli è stato negato. Mi riferisco alla LIBERTÀ e mi riferisco a loro, gli ultimi fra gli ultimi, quelli che ancora molti considerano oggetti, cibo, suppellettili, prodotti e sollazzi. Gli Animali.

Io credo che non saremo mai in grado di calcolare l’immensità del debito morale che tutti abbiamo nei loro confronti (e mi ci metto dentro anch’io e sicuramente anche altri ci si metteranno, nonostante possiamo aver fatto qualcosa di buono per loro) . Purtroppo non è e non sarà mai abbastanza. Spesso il mio primo pensiero del mattino e l ultimo della sera, è rivolto a loro.

A loro che sono negli allevamenti,a loro che sono reclusi senza una colpa, a loro che son nelle mani di gente senza scrupoli che li sfrutta, a loro che vivono quotidianamente con gente priva di empatia. A loro che stanno percorrendo un corridoio freddo e stretto mentre sentono le grida di strazio dei loro simili che vengono uccisi. A loro che SANNO perché SENTONO che lì in fondo lì aspetta qualcosa di terrificante. Li immagino mentre, passo dopo passo, portano avanti il loro corpo tremante. Paura, ansia, dolore che poi irrorano le loro carni.

Se è vero che è stato sancito che loro sono esseri senzienti, io mi domando perché ci sia ancora differenza di diritti tra uomo e Animale. Essere senziente significa “dotato di sensi, di sensibilità” Qualcuno mi spieghi perché ci si è fermati ad attribuire questo aggettivo agli Animali e si sta continuando a sterminarli e recare loro sofferenza. L’essere umano si considera evoluto perché? Perché ha fatto scoperte? Perché è riuscito a guadagnare longevità? Perché?  In realtà sono convinta che la uomo si sia involuto nel momento in cui ha smesso di procurarsi il cibo da solo, in Natura. Ecco, lì si è Involuto diventando il cancro della Terra. Io sono stata cresciuta con il senso del rispetto della Vita degli Animali. Il rispetto della Vita di TUTTI gli Animali.

Mi dovete spiegare perché le persone devono schiacciare ogni minuscolo essere vivente che magari entra in casa loro? Mi dovete spiegare perché un Insetto non è libero di poter sfamarsi nutrendosi delle foglie o della corteccia di una pianta, senza che arrivi il coglione umano di turno che lo uccide e massacra i suoi simili con pesticidi? Mi dovete spiegare perché se le Api fanno l’alveare in prossimità di una casa, arriva la merda umana di turno che lo estirpa completamente oppure spruzza veleno per ucciderle? Mi dovete spiegare perché i Topi sono ancora considerati animali di serie b? Mi dovete spiegare perché i Piccioni, in molte città che vantano cultura  non possono scendere nella piazza a cibarsi di qualche briciola? Mi dovete spiegare perché dei turisti debbano scegliere di farsi un giro in calesse o su una botticella pagando per vedere la sofferenza di un Cavallo che porta il loro peso? Mi dovete spiegare perché c’è gente che va ai cortei animalisti e poi mangia ancora gli Animali? Mi dovete spiegare perché ci si spende per trovare casa ad Animali sfortunati o abbandonati quando si dovrebbero vietare in primis su tutto il territorio mondiale gli allevamenti degli stessi. Mi dovete spiegare perché! Mi dovete spiegare perché non posso essere libera di NON RISPETTARE chi non rispetta gli Animali senza passare per estremista?

Tanti movimenti, tante associazioni più o meno importanti. Si è fatto tanto e allo stesso tempo non si è fatto niente. Volete farmi credere che nell’era dei microchip sottocutanei, il fatto di beccarsi una multa e un piccolo problema penale (se non addirittura essere messi a fare i lavori socialmente utili) per aver seviziato e/o ucciso un Animale (un essere senziente) sia un buon risultato? Tutela e diritti degli Animali stanno ancora a zero

Fra poco (è solo questione di mesi o forse anni) quando toglieranno definitivamente il diritto alla libertà di scelta di come vivere anche a noi, Loro che fine faranno? Non avremo modo di difendere la nostra stessa vita e quindi mi chiedo come farei a tutelare Loro? Aprite la vostra mente! A breve perderemo tutto, compreso il diritto di provare empatia perché ci toglieranno anche questo. E a quel punto loro? Come faranno? Spesso vorrei che Madre Natura ci polverizzasse, tutti! Nessuno escluso, per lasciare la scena a chi la scena l’ha di diritto. A coloro che, l’unica colpa che hanno, è quella di non aver ricevuto il dono della voce.

Una Animalista

Leggi Anche

mille euro in primo grado per Paolo Mocavero

Oggi il giudice di Belluno ha condannato il leader di Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero a 1000 …