Aggressione vs i cacciatori di Centopercentoanimalisti? Una bufala, ma se fosse vera saranno problemi per tutti!

Sta girando nelle pagine dei cacciatori una notizia su un’aggressione subita da un cacciatore finito successivamente in ospedale. Se la notizia fosse confermata non me ne fotterebbe un cazzo, corcato o morto il cacciatore non va mai rispettato, il problema che questi signori attribuiscono la paternità del gesto a noi del Movimento Centopercentoanimalisti.

Il fatto è accaduto a Mantova, colui che ha scritto l’articolo (non cito il sito perché non faccio pubblicità gratis a nessuno) ha scritto che gli aggressori avrebbero urlato il nostro nome durante la fuga (!). Domani mattina verrà querelato il responsabile di questa bufala per diffamazione, ma il punto non è questo. Dalle testimonianze riportate nella bacheca di una nota attempata cacciatrice siliconata in fresca, si vocifera che uno degli aggressori fosse un “rasta”. Premesso che nel nostro Movimento non siamo presenti a Mantova e quantomeno abbiamo attivisti “rasta”, anzi, sento puzza di bruciaticcio, sia se la notizia dell’aggressione fosse vera, sia se fosse falsa. Vi spiego i punti.

 

  1. Centopercentoanimalisti se fa male, lo fa bene, senza farsi sgamare
  2. Se il fatto fosse vero, rintracciare il “rasta” e il suo gruppo non sarebbe difficile
  3. Se la notizia dell’aggressione fosse falsa, lo scopo dei cacciatori di merda è chiaro, screditare il nostro Movimento nei loro ambienti, nel nostro gonfiare un cacciatore è solo un onore
  4.  La notizia fino adesso è stata riportata solo dai cacciatori di merda, sulla stampa che conta nemmeno una riga
  5. Se la notizia fosse vera, è evidente che gli aggressori per depistare hanno urlato il nostro nome
  6. Spero invece che la notizia sia una bufala e basta, altrimenti se gli autori avessero veramente urlato il nostro nome mentre scappavano, dovranno ingaggiare delle guardie giurate, di giorno e di notte, avvisati.

 

Paolo Mocavero 

Movimento Centopercentoanimalisti

 

L’articolo diffamatorio 

diffamazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La testimonianza della siliconata in “fresca”  che parla del “rasta” 

siliconata-in-fresca

 

Leggi Anche

Militanti del Fronte Animalista, AVI e META irrompono alla mostra della vergogna a Firenze

Militanti del Fronte Animalista, A.V.I. (fratelli della Sinergia Animalista) e META, sabato pomeriggio alle ore …