blitz a San Siro (Milano) vs Zlatan Ibrahimovic

“La fibra forte come Ibra”, è il mantra che accompagna gli spot di Sky in cui Zlatan Ibrahimovic e testimonial. A noi delle due forze riunite importa nulla, come poco importa la improbabile “recitazione” di Ibra.

Quello che ci importa, e ci indigna, è sapere che userà i soldi che incassa a vari titoli per alimentare quella che, più che passione, si può definire la sua monomania: la caccia. Come tutti sanno, Ibra fuori dello stadio è un efferato cecchino di ogni specie di Animale. Suo vanto e aspirazione è uccidere in ogni parte del mondo, meglio se le specie più rare. Ha speso milioni per comprare isole, foreste, tenute da riempire di Animali e divertirsi a massacrarli, con gli amici e la moglie.

Siamo convinti che i cacciatori siano fondamentalmente degli squilibrati: nessuna persona normale può godere uccidendo. E sono anche dei vigliacchi, che agiscono con armi potenti contro esseri indifesi. Sono infine nocivi e dannosi per l’ambiente, pericolosi per gli altri.

A questo punto, che dire di Ibra e della sua fibra? Nella notte tra il 20 e 21 gennaio, Militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI hanno affisso sui cancelli dello stadio Meazza San Siro di Milano, manifesti diretti a Ibra e Sky con scritto “contro di loro, Ibra è forte solo con la carabina. Sky e Ibrahimovic vergogna! Uno spot non cancella l’odore”. Il manifesto, oltre alla foto del centravanti, riportava le immagini di Animali trucidati dai cacciatori e del Leone che lo stesso Ibra ha ucciso anni fa.

il manifesto

le foto del blitz al Meazza di Milano

Leggi Anche

tappezzata Verona, no alla fiera della caccia!

Verona, sabato 30 aprile, la Sinergia Animalista ha organizzato un presidio contro la caccia davanti …