Spagna: due anni di carcere ai cacciatori che sparano ai Lupi

23 settembre 2021 – La Spagna ha vietato su tutto il territorio nazionale la caccia al lupo iberico (Canis lupus). Il predatore è stato inserito nell’elenco specie selvatiche del regime di protezione speciale (Lespre).Il provvedimento è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello Stato (BOE) sotto forma di ordinanza ministeriale ed entra in vigore il 22 settembre.È un trionfo degli animalisti spagnoli e in particolare dell’Associazione per la conservazione e lo studio del lupo iberico (ASCEL), che da anni ne chiede l’ammissione nella categoria di vulnerabilità del Catalogo spagnolo delle specie minacciate, rivendicandone il ruolo fondamentale per il mantenimento degli ecosistemi.

Il regolamento mira ad aumentare gli allevamenti esistenti da 297 a 350 e raddoppiare la superficie dell’habitat in cui sono distribuiti, che passerà dal 10% al 20% del territorio nazionale. L’Ordinanza TED/980/2021 del Ministero per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica prevede un’eccezione. I lupi potranno essere cacciati, purché “non vi sia altra soluzione soddisfacente” per la protezione del bestiame e previa autorizzazione delle autorità regionali.

In questo caso, deve essere giustificato che la cattura di esemplari “non influisca negativamente sul favorevole stato di conservazione della specie”. Inoltre, l’approvazione di una nuova strategia di conservazione e gestione per la specie in Spagna dovrà essere disponibile entro il 31 dicembre 2021.

Da questo momento in poi, chi insegue e uccide un lupo sarà accusato del delitto previsto dall’articolo 334 del codice penale. La pena detentiva che comporta varia da sei mesi a due anni. Il delitto è punito altresì con una multa e con l’interdizione speciale per l’esercizio della professione o del commercio, nonché la revoca del permesso di caccia o di pesca da due a quattro anni.

Leggi Anche

cacciatore scivola e…

30 settembre 2021 – E’ scivolato a terra e nella caduta gli è partito accidentalmente …