Militanti di ALF liberano oltre 40.000 Visoni!

16 novembre 2022 – Decine di migliaia di visoni sono stati liberati dalle loro gabbie in un allevamento nel nord-ovest dell’Ohio lunedì notte. A renderlo noto i media statunitensi che, citando il proprietario dell’azienda, spiegano che un numero imprecisato e variabile tra i 25mila e i 40mila animali sono stati fatti fuggire dopo un blitz degli animalisti che hanno distrutto le recinzioni della Lion Farms USA Mink Farm, nella cittadina di Hoaglin.

Lo stesso titolare dell’allevamento ha aggiunto che subito dopo è scattata una vera e propria “caccia al visone” che ha visto impegnati centinaia di dipendenti. Molti animali sono stati catturati e riportati nelle loro gabbie, ma la maggior parte di loro è riuscita a fuggire.

Sull’episodio è stata aperta un’inchiesta: i reati ipotizzati dagli inquirenti sono quelli di violazione di domicilio e atti vandalici, mentre le autorità si sono affrettate ad allertare tutti gli agricoltori e allevatori della zona.

Benché non possano di certo essere considerati pericolosi, infatti, il Dipartimento dell’Agricoltura dell’Ohio ha consigliato alle persone della zona di tenere d’occhio il pollame e il bestiame da cortile.

In natura, i visoni mangiano di tutto, dalle rane ai pesci, dai topi ai conigli, passando ovviamente per il pollame. “I proprietari di animali domestici e bestiame dovrebbero essere consapevoli di questa circostanza”, ha affermato il comunicato dell’ufficio dello sceriffo. “I visoni sono mammiferi carnivori che si attengono a una dieta composta da prede fresche”, si legge nel comunicato.

“Cacciano regolarmente prede più grandi di loro. Di conseguenza, possono essere un fastidioso parassita per proprietari di case e proprietari di bestiame e gestori di proprietà. I ​​visoni hanno dimostrato di essere particolarmente problematici per gli allevatori di pollame e per i proprietari di case con stagni ornamentali pieni di koi e altri pesci”.

Fonte: Fanpage

Leggi Anche

Tribunale di Perugia: il pescatore Vito Amodio dovrà venire a Padova…

Per capire cosa è successo la settimana scorsa a Perugia, bisogna tornare indietro di un …