Busto Arsizio (VA) blitz vs il Trentino

Alcune settimane fa, un’altra Orsa è stata Uccisa. Giovane, sana, innocua, denominata con una sigla: F43 da chi considera gli Animali alla stregua di oggetti. Difficile pensare a un incidente – che comunque sarebbe da attribuire per incompetenza agli operatori.

Difficile, perché in 22 anni,  da quando è iniziato nella provincia di Trento il progetto “life ursus” con relativi finanziamenti, decine di Orsi sono morti, o eliminati intenzionalmente, o in seguito a “incidenti”, o sono scomparsi dopo esser stati catturati. Inoltre fa pensare il fatto che l’Orsa  fosse monitorata perché “troppo socievole”: cercava la vicinanza con gli umani, il che  avrebbe potuto crear problemi ai manager del turismo  locale. 

Resta  comunque chiaro che non si può affidare la gestione di un bene collettivo prezioso come la vita degli Animali liberi, a chi sa  affrontare i problemi solo col fucile.

Per ricordare al presidente Fugatti e i suoi collaboratori che non ci siamo dimenticati di loro, nella serata del 12 ottobre, Militanti del Movimento Centopercentoanimalisti, hanno tappezzato con uno striscione e manifesti vs il Trentino, lo stadio “Carlo Speroni” di Busto Arsizio (VA), dove la squadra di calcio del Trento, affronterà domenica 16 ottobre i Tigrotti della gloriosa Pro Patria.

Nessuna tregua a chi ammazza gli Orsi.

Il video

Le foto

Leggi Anche

Verona: intervento dei Militanti per salvare i Piccioni imprigionati all’interno della DHL

Nei giorni scorsi, i dipendenti della DHL di Verona hanno chiesto l’intervento dei Militanti di …